Truffa porto di Molfetta, la Procura rinuncia all’incidente probatorio

La Procura di Trani ha rinunciato all’incidente probatorio chiesto nell’ambito dell’indagine sulla presunta maxitruffa da circa 150 milioni di euro legata alla costruzione del nuovo porto di Molfetta. Il che significa che i magistrati Antonio Savasta e Michele Ruggiero  (quest’ultimo probabilmente sotituirà il pm Giuseppe Maralfa) ritengono necessario proseguire le indagini, essendo emerse altre prove forse più consistenti a carico degli indagati. Rinunciano agli accertamenti irripetibili, il cui inizio era stato fissato per il 6 marzo, perchè atti d’indagine sopravvenuti negli ultimi mesi li renderebbero inutili in questa fase dell’inchiesta.

L’incidente probatorio aveva lo scopo di cristallizzare anche le dichiarazioni rese ai giudici da Carlo Parmigiani, fino al maggio 2012 direttore tecnico del cantiere della Cmc di Ravenna, la ditta appaltatrice dei lavori, dal dirigente comunale ai lavori pubblici, responsabile del procedimento, Vincenzo Balducci (arrestato insieme al direttore del cantiere Giorgio Calderoni e poi scarcerati nel corso dell’inchiesta) e dall’ex vice sindaco Pietro Uva.

Alla richiesta della Procura si sono opposti i difensori dei 61 indagati, mentre il Gip Francesco Zecchillo si è riservato di decidere, rinviando l’udienza a lunedì 31 marzo e chiedendo ai Pm di produrre i nuovi elementi di prova, nei prossimi 7 giorni, che farebbero considerare superata l’indagine precedente.

Molfetta e le bombe chimiche nel mondo: « ARMES CHIMIQUES SOUS LA MER »

« ARMES CHIMIQUES SOUS LA MER » un film di Bob CoenEric Nadler e Nicolas Koutsikas (90minuti), co-prodotto da ARTE France, GEORAMA TV Film Productions, Japan Broadcasting Corporation, Heilongjiang TV Stazione MacGuff  (2013-90 minute)- Francia /Giappone/Cina, verrà presentato in anteprima Giovedi, 6 febbraio, al Cinema Filmmakers di Parigi per il “Festival Internazionale del Film Ambientale 4-11 febbraio 2014″. La proiezione sarà seguita da un dibattito con il regista Nicolas Koutsikas, guidati da Jean-Philippe Braly, giornalista scientifico. Un milione di tonnellate di armi chimiche utilizzate in entrambe le guerre mondiali sono state sistematicamente affondate in mare in tutto il mondo fino al 1972.

Versione in francese

Traduzione in Italiano

FIFE in 2014: “Chemical Weapons in the Sea” – interview

 The Blog Stops Here documentary about a movie explosive investigation, presented for the first 6 February at the International Festival of Environmental Film of Paris, in partnership with the Cultural Actions ARTE . ” Chemical Weapons in the Sea “approach is indeed a phenomenon kept secret defense landfills chemical weapons which sometimes lie for over 100 years on the seabed, threatening the health and the environment.

The documentary will be broadcast on ARTE on February 25 at 20:50, with the web of a “second screen” device. Meanwhile, interview with Nicolas Koutsikas, one of the directors of this exciting (and scary) documentary that finally makes the invisible visible survey, participates in ecological awareness and raises an unprecedented debate about the war and ecology .

arte-cultural actions

The documentary Blog: What led you to start this investigation on dumped chemical weapons?

Nicolas Koutsikas: If I had ever heard of the phenomenon by fishermen in the Baltic Sea there ten years, the film has really sprouted when I met in 2009 a team of American scientists who sought to assess the harmfulness of dumped chemical weapons. But the military forbade any camera accompanies them. I then started my investigations, starting with the meeting with the Italian journalist Gianluca Di Feo had discovered through the archives of Winston Churchill, the chemical arsenal Mussolini was buried at specific points, underground and seabed. But at the time I thought it was a local problem, perhaps even exaggerated. Until I realized that the phenomenon was global, that worldwide large quantities of chemical weapons were thrown overboard by the States, and since the First World War. It seemed necessary to make a film to alert the public about it and assess risks to health, the food chain and the environment …

What challenges have you faced to complete this survey?

Three years were needed to build this film because it is a difficult story to tell. First, because our subject is hidden 100, sometimes 1,000 meters deep. The first challenge of the film was therefore to find these chemical weapons. We made our own trails with divers in Italy, and locate these munitions has proved difficult because of currents that move, and sometimes overlying sediments so that the cameras do not see.And most importantly, the army has not yet revealed the positions of underwater discharges, classified top secret until 2017! So, besides some rare documents provided by the U.S. military, the only information available comes from fishermen, some scientists and historians, and they are scattered around the world. You must gather as a big puzzle where he still missing a part, where the information must be constantly checked and cross-checked because of financial interests, tourism, military are of course involved … Hence the long time needed for the preparation of documentary.

Why France, yet concerned with the problem, it is absent from the film?

Unlike Germany or Italy for example, there are no records about it in France, and there is no scientific, military historian or even – if not from the perspective General history – which looks at the phenomenon. In fact, the issue is simply not raised, and chemical weapons in general is somehow ignored the position of France remains incomprehensible to me. Involved in two world wars, she said they have no stock this type of ammunition – how was she then destroyed? – And it will open its first factory of chemical weapons destruction in 2016! That is why now recovered weapons in Syria are treated in Britain, Germany and the United States. Yet, there are indeed landfills identified off the French coast, especially in front of Saint-Tropez or the Bay of Biscay …

Fortunately, some countries seem more concerned …

Indeed. And the most advanced country on the issue are those who are around the Baltic Sea, which is the most polluted in the world. In Poland, for example, there is even a real political will in this regard, and scientists funded by the European Union have initiated exploration. But their investigations are very limited, because of the means, but also their dependence vis-à-vis the military authorities. Not only do they lend equipment, such as small robots needed to capture images in great depths and to collect samples, but mainly it is impossible to manipulate chemical weapons without their permission. And if specific interventions are provided when certain types of ammunition wash ashore or represent a danger, the military plan in no way embark on a demining work large-scale …

Why the destruction of dumped chemical weapons discovered is not yet systematic?

The World Organisation for the Prohibition of Chemical Weapons [2013 Nobel Peace Ed] has established a specific protocol and costly destruction, like the one currently followed for Syrian arms. So, when munitions are found, they are often discarded at sea is thus strongly suspect the North Stream company to have done so during the construction of a gas pipeline in the Baltic Sea, although its leaders sayotherwise.’s omerta is also very heavy among fishermen who prefer to reject the weapons taken in their nets to avoid the administrative hassle, which is not without problems of food security. For fish caught with these weapons most often found on our plates. So far, Denmark is the only country to have taken precautionary measures to that effect, and when I asked the European Commissioner for fisheries, he told me that it was not a matter of concern …

How long will it according to that we begin to find solutions?

When the Convention on the Prohibition of Chemical Weapons was adopted in 1992, it only took into account the current stock of chemical weapons, or about 100,000 tons, but she ignored the million tonnes of dumped munitions. While some countries such as Poland and Norway, and the Canadian Terrance P.Long, president of international dialogues on underwater weapons, regularly alert the organization in The Hague, no action has been taken today. And even when the secret defense will be lifted, we can finally make an inventory of landfills and start researching their harmfulness, it will in my years, even decades, to find solutions. Especially since we know nothing yet of the Russian chemical arsenal, at least as important as that of the United States …

ap_arte_armes_chimiques_okYou went to Japan to film the unique existing mine sites … How have you had access?

Only to have implemented real technical process of systematic destruction of chemical weapons are indeed Japanese. But we could not film the demining if the Japanese national television NHK, agreed to enter into the production of the film, which she refused four times – the subject is too sensitive by them in the countries – before finally accepting. Thus, we not only able to film the demining, but also attract a Chinese co – is exceptional, especially on a politico-scientific subject. With the first ARTE confidence, the film has acquired a truly international dimension, with no less than thirty countries involved. It will thus be released in the coming months around the world in no less than five different languages.

What do you broadcast your film?

I hope it becomes a unique communication tool around the subject. Thanks to the support of the Foundation Prince Albert II of Monaco, engaged in the protection of the seabed, we will conduct several awareness and disseminate the film in The Hague under the Organization for the Prohibition of Chemical Weapons . I am pleased that the documentary can thus participate in a campaign for the application of the precautionary principle: it is allowing the sea is never a dump. And I am proud and happy that the film can finally start a debate so far never addressed: the question of the impact of war and conflict on the environment, military waste and its treatment. I remain quite optimistic about it, because environmental concerns have emerged since the 70s, even in the military minds. I even met senior members considering, even if it may seem absurd at first glance, to create ammunition “green”.

********************************************************************************************************************

Nei video, che seguono, alcune sequenze delle riprese fatte dal co-regista BOB COEN a Molfetta nel maggio 2013.




UNITED STATES OF AMERICA: BOMBE CHIMICHE PROIBITE NEI MARI ITALIANI. UNA STRAGE SEGRETA

di Gianni Lannes – sulatestagiannilannes.blogspot.it

Si tratta di un crimine documentato a livello ufficiale, commesso ingiustificatamente dalle forze armate e dai governi di Washington e Londra, contro il popolo italiano a danno perpetuo del Mare Mediterraneo. Infatti, al termine della seconda guerra mondiale, i sedicenti “alleati” hanno inabissato nei nostri mari su bassi fondali a ridosso delle aree costiere, in particolare dell’Adriatico e del Tirreno circa 1 milione di ordigni, gran parte dei quali caricati con aggressivi  chimici vietati dalla Convenzione di Ginevra del 1925. Gli involucri delle bombe a causa della corrosione marina hanno ceduto i loro veleni, prevalentemente arsenico e mercurio, contaminando la catena biologica.

Tra l’altro proprio l’Air Force britannica ha utilizzato l’isola di Pianosa nell’arcipelago delle Tremiti (Parco nazionale dal 1989: il cuore della riserva marina) per affondare bombe al fosforo inesplose e mai bonificate. Presso l’Archivio di Stato di Bari, esistono rapporti ufficiali della Questura del capoluogo regionale che documentano l’affondamento da parte delle forze armate britanniche di zatteroni colmi di bombe proibite.Non a caso, gli inglesi hanno avuto il controllo dei porti italiani durante il secondo conflitto mondiale, e anche dopo. Inoltre, a ridosso dell’isola sono state affondate a metà degli anni ’80 ben due navi di veleni.
Più recentemente – nel 2012 – in risposta all’interrogazione numero 4/15092 (legislatura 16) il ministro della Difesa, ammiraglio Giampaolo Di Paola ha precisato che:
«i residuati bellici a caricamento chimico si trovano in uno stato di conservazione pessimo, a seguito della prolungata azione della corrosione marina: ciò determina ulteriori difficoltà di rimozione ed elevati rischi per gli operatori, oltre a richiedere l’impiego di mezzi tecnologicamente avanzati, con conseguente aumento dei costi».
Senza contare le bombe all’uranio impoverito affondate in tutto l’Adriatico, da Caorle ad Otranto, dal 1994 al 1999 dai velivoli della Nato di ritorno dalle missioni di bombardamento della Jugoslavia. Nonostante le promesse della UE (Solana) e di D’Alema, i fondali marini non sono mai stati bonificati. E noi tutti ne paghiamo le conseguenze, così come le generazioni future.
Ecco cosa ha attestato il biologo marino Ezio Amato che ha coordinato la ricerca in mare per conto del ministero dell’Ambiente ed in seguito della Commissione Europea (progetto Red Code):
 «I pesci del basso Adriatico sono particolarmente soggetti all’insorgenza di tumori, subiscono danni all’apparato riproduttivo, sono esposti a vere e proprie mutazioni che portano a generare esemplari mostruosi».
L’Icram, oggi Ispra ha documentato a livello scientifico l’ecatombe già nel 1999, ma tutti i governi tricolore hanno fatto finta di niente. Soltanto nella Daunia, dopo aver bombardato l’inerme città di Foggia e massacrato più di 22 mila civili inermi (allora su 67 mila residenti) distruggendo il 75 per cento delle abitazioni (come hanno documentato i vigili del fuoco), furono ammassate nei campi di aviazione utili a bombardare l’Italia del Nord e la Germania, ben 200 mila ordigni chimici, poi affondati tra il 1945 ed il 1946, in gran segreto, a ridosso del golfo di Manfredonia. Per la cronaca invisibile ai libri di storia: sugli abitanti della città Foggia, senza alcuna ragione se non l’azione terroristica di annientamento della popolazione locale, con reiterate azioni  sono state scaricate dagli angloamericani bombe al fosforo. Foggia è la Dresda italiana: lo Stato se l’è cavata elargendo due medaglie d’oro al valor civile. Tanti non sanno e molti hanno dimenticato quel bombardamento su case, scuole e abitazioni. Nonostante la città – com’è noto – non avese opposto alcuna resistenza è stata bombardata dagli “Alleati” anche dopo l’8 settembre 1943. Qualcuno forse rammenterà le direttive assassine contro la popolazione, emanate dal generale Harris, a capo della Raf.
continua a leggere su: sulatestagiannilannes.blogspot.it

Armi chimiche siriane, “container difettosi”. Rinviato trasbordo a Gioia Tauro

di Lucio Musolino – www.ilfattoquotidiano.it

Slitta ancora l’arrivo a Gioia Tauro delle navi con le armi chimiche di Assad. Questa volta la battuta d’arresto alle operazioni di trasporto delle sostanze chimiche siriane sarebbe stata determinata dalle condizioni dei container che avrebbero dovuto trasportare l’arsenale chimico. Si tratta in sostanza di materie tossiche appartenenti alla classe 6.1 e, secondo quanto riferiscono fonti siriane, i container non avevano i parametri di sicurezza previsti a livello internazionale. Secondo le stesse fonti, in Siria si stanno quindi costruendo i contanier adatti, in modo da garantire la sicurezza del trasporto, con la supervisione di esperti internazionali. Questo ritardo si aggiuge a quelli già denunciati nelle scorse settimane dall’ex ministro degli Esteri Emma Bonino. Tante riunioni in prefettura a Reggio Calabria, anche con la Protezione civile, ma nessuna indicazione sulla data in cui al porto di Gioia Tauro sarà effettuato il trasbordo delle armi dalla nave danese “Ark Futura” a quella statunitense “Cape Ray”, già arrivata nel Mediterraneo e ferma in Spagna.

Questo ennesimo ritardo, relativo alle condizioni di sicurezza dei container, rischia di riaccendere le tensioni in Calabria e fare riesplodere il fronte del “no” che nelle ultime settimane sembrava essere stato addolcito dalle promesse di Palazzo Chigi. Un fronte del “no” del quale fanno parte i sindaci dei Comuni interessati, i sindacati portuali e quelli dei vigili del fuoco che nei giorni scorsi hanno lanciato l’allarme sull’inadeguatezza delle attrezzature che serviranno durante la fase operativa.

“Il fatto che i container non hanno raggiunto i parametri di sicurezza – afferma il sindaco di San Ferdinando Domenico Madaffari – vuol dire che le nostre preoccupazioni non erano poi campate in aria. Le rassicurazioni del governo oggi capiano che lasciano a desiderare perché ci ha promesso qualcosa di cui non era al corrente. Oggi capiamo che quando Letta ci ha incontrato, a Palazzo Chigi, evidentemente gli standard di sicurezza a cui faceva riferimento non erano raggiunti. Abbiamo parlato solo con politico e non con i tecnici che dovevano spiegarci come avveniva il trasbordo. Ben venga questo ritardo in modo che tutto possa essere svolto senza rischi. Non abbiamo notizie dall’autorità portuale”.

Gli fa eco il sindaco di Gioia Tauro Renato Bellofiore che chiede nuovamente al governo di non fare arrivare in Calabria l’arsenale di Assad ma in un luogo più sicuro. Bellofiore sottolinea come “è stato giusto tenere alta l’attenzione. Alla luce di queste ultime notizie, sarebbe opportuno spostare in un altro porto l’operazione di trasbordo delle armi chimiche. Noi rimaniamo delle nostra idea. Stiamo subendo questa imposizione. Nel nostro pensiero, sicuramente non siamo favorevoli al trasbordo. Il governo Letta aveva promesso di convocare un tavolo con i sindaci. Speriamo che Renzi lo faccia al più presto. Prima che arrivino le navi”.

E se da una parte l’Autorità portuale di Gioia Tauro, attraverso il suo portavoce, conferma diapprendere le notizie solo dai giornali e di non avere ricevuto alcuna comunicazione dalla prefettura di Reggio Calabria, il sindacalista dei portuali Sul Domenico Macrì punta il dito contro il pressappochismo di chi ha sottovalutato le operazioni di trasbordo: “È quello che abbiamo chiesto sempre noi. Se se ne sono accorti ora è preoccupante. Perché si apprestano a fare delle operazioni senza conoscere la sostanza che dovrebbe essere movimentata all’interno del porto? Chiediamo di conoscere di che cosa si tratta. Noi non siamo pronti per ricevere quelle armi chimiche”.